La flora

Il paesaggio della Camargue è caratterizzato dalla presenza di acqua e sale: l’acqua da irrigazione addolcisce la zona settentrionale del delta mentre, nella parte meridionale, l’acqua proveniente dal mare, fondamentale anche per la produzione del pregiato sale, accresce anche la salinità del suolo. Grazie a questo binomio, in Camargue è possibile osservare ambienti differenti: dune, lagune, paludi, praterie, prati verdi e la cosiddetta ripisylve (foresta che cresce lungo le rive del Rodano).

Gli ambienti umidi rappresentano l’84% del territorio e, dunque, la vegetazione acquatica è molto ricca: diversi tipi di giunchi (ad esempio la canna utilizzata per la realizzazione dei tetti delle cabane de gardian) tra i quali, in primavera, fioriscono iris gialli e ranuncoli d’acqua.

Il pascolo delle mandrie di tori e cavalli nei prati favorisce la nascita di un tappeto di saladelle (limonium) mentre differenti specie di salicornia ricoprono il terreno salato della sansouire (nota della traduttrice: ambiente dominato da cespugli di salicornie e caratterizzato da terreni aridi dove il sale è spesso visibile sotto forma di efflorescenze), paesaggio emblematico della Camargue.

Uno dei pochi alberi capaci di sopportare la salinità del terreno è la tamerice.

I pochi paesaggi boscosi si limitano all’aree adiacenti alle rive del Rodano e sono composti essenzialmente da pioppi bianchi, frassini e olmi.